Sono una ragazza di 30 anni, vorrei un suo parere su un problema che mi accompagna da circa un mese e per il quale si sospetta reflusso gastroesofageo. Un mesetto fa, improvvisamente, durante una cena abbondante, è comparsa tachicardia (circa 120 b/min) e qualche extrasistole con pressione arteriosa nella norma. Il tutto accompagnato da tosse, oppressione toracica, nausea e sensazione di reflusso pur non avvertendo acidità di stomaco. Da allora, durante e dopo i pasti questi sintomi mi stanno accompagnando più o meno sempre. Sono circa 15 giorni che assumo un farmaco, il Gaviscon, e sto molto meglio. Ho eseguito holter cardiaco. Nelle 24 ore sono state rilevate 8 extrasistoli sopraventricolari isolate. Il resto è risultato tutto nella norma. Vorrei un suo parere, le allego gli esiti degli esami.

Gentile lettrice, i sintomi che lei riferisce sono compatibili con la sindrome da reflusso gastroesofageo; la tachicardia (riferita con 120 battiti al minimo) non mi pare aritmica ma, verosimilmente, sinusale; la presenza di 8 extrasistoli sopraventricolari nelle 24 ore indica che il suo cuore funziona bene dal punto di vista elettrico. Le suggerisco di fare ancora un ecocardiogramma e semmai una visita cardiologica. Per quanto riguarda la domanda sui parametri del referto, sono soltanto degli indici tecnici che ha voluto aggiungere il cardiologo per maggiore completezza, senza valore clinico. Va bene il Gaviscon, però dovrà completare il quadro clinico con una valutazione del gastroenterologo; comunque la cura non sarà breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code