Salve, le scrivo per sottoporle il mio caso. A inizio del mese di dicembre 2017 sono stato ricoverato in ospedale a causa di una pericardite causata da un’influenza. A metà gennaio ho fatto una risonanza magnetica in base alla quale risultano ancora dei residui dell’infezione. È normale che dopo più di 2 mesi non sia guarito? Posso fare attività sessuale? Mi hanno suggerito di evitare di fare sforzi e non fare sport. Sul sesso non si sono espressi. E neppure io ho domandato, a dire il vero. Aspetto un suo consiglio. Grazie

Sicuramente non bastano la diagnosi e il perdurare dei segni dell’infezione virale a due mesi dall’inizio a darmi gli elementi sufficienti per rispondere alla sua domanda. Bisognerebbe conoscere la gravità, i disturbi, la clinica, la terapia ecc. In assenza di tutti questi dati mi farò guidare dal buon senso. Il fatto che le si ponga questo problema, vuol dire che a due mesi ha già lo stimolo della libidine. Ne deduco pertanto che la forma patologica non è grave, perciò un rapporto sessuale con la partner (meno dispendioso) può portarlo a conclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code