di Italo Richichi

È iniziata la storia della “Dieta Mediterranea di riferimento (Calabria)”.Il libro, scritto da Italo Richichi,è stato presentato in anteprima a Pavia, Almo Collegio Borromeo, a metà maggio. Da allora le presentazioni sono state numerose in varie città lombarde. Nell’estate, l’autore ha avviato altri incontri in alcune città calabresi. Sensibilizzare le Comunità alla Dieta Mediterranea la mission del libro

Martedì 18 agosto, Sala Consiliare del Comune di Siderno. Si parte con una presentazione della dottoressa Petrasso, a seguire il saluto del sindaco Pietro Fuda, politico di rango del territorio. L’intervento del sindaco è caldo e breve, teso a convincere i presenti che il sottoscritto è un profondo conoscitore della cardiologia preventiva e un esperto di come curare le malattie attraverso il cibo: un argomento, quest’ultimo, che appassionava già Ippocrate nel 400 a.C.

Mercoledì 19, è la volta di Soverato, dove l’avvocato Francesco Trimboli ha preparato l’incontro nella terrazza nell’Hotel Miramare, davanti al meraviglioso Golfo di Squillace.

Mentre si avviano i preparativi, la sala si riempie di partecipanti, anche nomi illustri, come il sindaco di Borgia Francesco Fusto, il consultore per la Lombardia Salvatore Tolomeo, l’ex direttore generale dell’Ospedale San Paolo di Milano Giuseppe Catarisano. Presente, in veste di relatore, il dott. Ugo Cotilli, dottore in medicina estetica e mister Italia di circa un decennio fa.

Nel contesto naturale del luogo, la relazione tra uomo e natura diventa facile e gradevole. Io mi soffermo a parlare della differenza tra età anagrafica ed età biologica, vero obiettivo di un vivere equilibrato e corretto.

Giovedì 20 agosto la presentazione più solenne, a Gioia Tauro. Alle ore 19, la sala delle manifestazioni ufficiali della città è colma. Duecento persone allietate da una discreta climatizzazione. Si accede al teatro da una moderna e panoramica scalinata. Accanto, il vecchio Municipio e la Piazza Grande in cui primeggia, sobria e solenne, la storica fontana portafortuna “Il Trecanali”. Il giovane sindaco Giuseppe Pedà introduce l’autore, rimarcando la figura esemplare, classica di colui che si allontana dalla propria casa, dalla propria terra, dagli affetti, per motivi di studio e di ricerca; da solo senza nessuno, senza andare a cercare fortuna ma per questioni legate al sapere, alla conoscenza, cercando di imparare per riuscire a fare carriera e, magari, riportare indietro parte di quel sapere, per condividerlo con altri.

Quindi prendo la parola. Cerco di farlo con il cuore in mano. Cerco di trasmette sentimenti, concetti, informazioni, frutto di mezzo secolo di studio, di esperienza e di ricerca. Mentre espongo il significato e il valore dell’allungamento della vita, il significato dell’età biologica e poi dello lo stress ossidativo, mi fermo, rallento, fisso negli occhi i presenti: il fratello, gli amici, i compagni di liceo, di gioventù, del passato. Tutti sono cambiati! Ma non tutti lo siamo allo stesso modo: la maggior parte mostra “di fuori” e racconta “di dentro” il cambiamento patologico… tanti sono già stati da me per motivi professionali. Ma lì, nel palcoscenico della vita, ognuno resta fedele al proprio ruolo.

Prima di concludere, sono costretto a rallentare. Devo fermarmi un attimo; l’emozione frenata, dominata, controllata finora, ha ammutolito le corde vocali per dare tempo a due lacrime nascoste di uscire prepotenti. A un tratto da relatore accorto mi giro, celo lo sguardo verso l’ultima diapositiva: ecco l’albero della vita, il fantastico simbolo dell’Expo 2015, così l’emozione per tutti sembra ben motivata!

Applausi, abbracci, strette di mano, in tanti vogliono la dedica sul frontespizio del libro; a ricordo di un passato, di una vita che si sta compiendo in modo dritto, corretto, giusto… esemplare.

Sabato 21 agosto, ore 19.30, la presentazione raggiunge la Terrazza, vicino la Piazza principale di Reggio Calabria. Peppe Agliano è il mentore della serata. Presenti esperti e conoscitori della Dieta Mediterranea, consulenti per la Regione, primari dell’ASL reggina, compagni di università e ora affermati colleghi.

Molti gli interventi seguiti alla relazione dell’autore e tutti che chiedono integrazioni delle proposte e sinergie per le future iniziative, soprattutto quelle in preparazione, per iniziativa di ANPCV e FICC, previste il 18, 23, 24, 30 settembre all’Expo.

Il primo tour per la presentazione del libro si conclude, come da programma, domenica 30 agosto, presso la storica Villa Comunale di Palmi. La sala è vuota.

Il sindaco Giovanni Barone, medico e primo cittadino esperto, tranquillizza i relatori avvisando che, dopo l’avvio, la gente che passeggia verrà a “curiosare” e “se la cosa piace” si fermerà ad ascoltare. Così è. Molte le presenze di sconosciuti, di occasionali, di non invitati e non sollecitati.

La relazione che faccio è ferma, documentata e precisa. Parlo di scienza e malattia e di come in mezzo si ponga la Dieta Mediterranea. Di qui la prevenzione, che serve per garantire ai giovani la vecchiaia, altrimenti c’è la malattia, la sofferenza e l’accorciamento della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code